Il cesto dei tesori gioco per bambini fra i 6 e i 10 mesi

cestino

Il Cesto dei tesori è un gioco inventato oltre trent’anni fa da una psicopedagogista britannica e pensato per bambini di età compresa fra i 6 e i 10 mesi.

Se proverete a proporlo al vostro bambino, vi meraviglierete nel vederlo  giocare con una sorprendente concentrazione e tanto coinvolgimento.

Al divertimento assicurato deve comunque aggiungersi la consapevolezza, da parte vostra, di aver proposto un’attività diversa.

Pensate che l’ideale per il vostro piccolo  è quello di giocare seguendo la propria voglia di sperimentare e di conoscere con tutti i sensi .

Ecco perchè se si vuole che questo gioco funzioni, l’adulto dovrà solo preoccuparsi di allestire il cesto.


Leggi anche: Sonia Lorenzini, intervista esclusiva: tra GF Vip e un progetto in Van

Fate sedere vostro figlio di fronte al cesto lasciandogli massima libertà di esplorare gli oggetti che preferisce.

Poi non vi resta altro che osservare rassicurando vostro figlio soltanto con la vostra presenza, vi consiglio invece calorosamente di non intervenire in nessun modo nello svolgersi del gioco. Lasciate il bambino libero di toccare, annusare, guardare, afferrare, portarsi gli oggetti da una mano all’altra e poi alla bocca. Non toglietegli l’occasione di sperimentare da solo il mondo che lo circonda.

Il cesto dei tesori consiste in un cesto di vimini o altro materiale naturale  riempito con degli oggetti vari: oggetti che spesso troviamo in casa con estrema facilità, oggetti di uso comune.

Lo scopo degli oggetti contenuti nel cesto è quello di offrire la massima varietà di stimoli ai cinque sensi.

Questi dovranno avere la caratteristica di essere  molto semplici fatti esclusivamente con materiali naturali come il legno,il tessuto, il metallo,la pelle, la carta, la gomma,  ecc. Non mettete invece oggetti di plastica.

Occorrente:

  • un cestino di vimini o altro materiale naturale di circa 35 cm di diametro e 12 cm di altezza
  • oggetti di origine naturale: pigne, conchiglie, castagne, pietre di fiume, spugne naturali, gusci di noce di cocco,
    oggetti di materiali naturali: gomitoli di lana/cotone, sottopentola in paglia, pennelli da barba, spazzolino da denti, pettini in legno, spazzole in setole naturali
    oggetti di legno: sonaglini, mollette da bucato, anelli delle tende, cucchiai, mestoli, portauova, portatovaglioli
    oggetti di metallo: mazzi di chiavi, catenelle, fruste da cucina, pentolini, scatole dei sigari, coperchi dei vasetti di marmellata o omogeneizzati,  formine per biscotti, tappo da vasca con catenella,
    altri oggetti: come un piumino per la cipria, pezzi di tubi di gomma, una palla da tennis, borsette in pelle con cerniera, sacchetti ben cuciti di tessuto riempiti con lavanda, timo, chiodi di garofano,riso, nocciole, legumi secchi, calzascarpe di osso.


Potrebbe interessarti: Mara Venier invita Arbore a cena: “Così mi spieghi perché fra noi è finita”