Il fumo passivo fa male ai bambini

95549b030144c551cc053015e3541afc-fumo_passivo.jpg

E’ risaputo: il fumo “danneggia gravemente la salute”. Ma non solo! Oltre alla salute, propriamente detta, crea disturbi anche alla ‘qualità’ del sonno dei bambini.

L’esposizione al fumo passivo provoca problemi all’apparato respiratorio dei bambini soprattutto se sono affetti da asma. La scoperta è stata fatta dagli Studiosi del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center.
Lo studio si è svolto sottoponendo all’osservazione 219 bambini tra i 6 e i 12 anni affetti da asma. Ai genitori dei bambini è stato chiesto se e quanto fumassero in casa; i bambini sono stati sottoposti agli esami del sangue per misurare i livelli di “Cotinina”, un metabolita della nicotina (cioè un prodotto della sua trasformazione da parte dell’organismo), che viene utilizzato per quantificare l’esposizione al fumo attivo, ma soprattutto a quello passivo.


Leggi anche: Chiara Ferragni: l’influencer danneggia la madre?

Lo studio ha dimostrato che il 93% dei bambini asmatici esposti al fumo passivo mostrava, innanzi tutto, una scarsa qualità del sonno notturno, ma addirittura disturbi notturni clinicamente rilevati.

Per gli studiosi non è ancora chiaro come nasca questo collegamento tra fumo passivo e disturbi del sonno, ma è stato ipotizzato che il fumo possa disturbare la respirazione e di conseguenza il riposo notturno. Risultano dalla scarsa qualità del sonno sono: difficoltà di concentrazione e di attenzione, disturbi dell’umore e scarso rendimento scolastico.

Questa scoperta dovrebbe spingere i genitori ad avere maggiore coscienza: il fumo danneggia la loro salute, ma anche quella dei figli che ne sono soggetti passivi.