Mare, sole e gravidanza

Morning-Sickness-Cartoon

Tutto quello che bisogna sapere prima di esporsi al sole in gravidanza

Il mare per chi è in attesa è un vero e proprio toccasana, fonte di benessere fisico e psicologico per la futura mamma.

In particolare se non ci sono problemi legati a patologie particolari o gestazioni a rischio, il mare è un valido alleato per le gestanti.

I benefici del mare per le future mamme

– Nuotare aiuta a tonificare, drenare e rassodare;

Passeggiare con le gambe immerse in acqua fino alla caviglia o fino al ginocchio, esercita un benefico massaggio vascolare, alleato della circolazione, utile a combattere la cellulite e la ritenzione idrica;


Leggi anche: Un Posto al Sole: chi è Michelangelo Tommaso (Filippo), carriera e vita privata

– Respirare  iodio è utile per stimolare il metabolismo, bruciare i grassi e le calorie, e tenere il peso sotto controllo;

– La sintesi della vitamina D, che avviene proprio grazie all’azione dei raggi solari, è fondamentale per lo sviluppo del feto.

Ovviamente in un periodo particolare come la gestazione è importante tenere d’occhio e seguire le giuste regole prima di esporsi al sole, per evitare ogni possibile rischio.

Le regole da seguire 

1339780832932_ORIGINAL

– L’ esposizione al sole dev’essere sicura per la futura mamma e per il bimbo, ragion per cui gli esperti raccomandano di andare al mare nelle prime ore del mattino fino alle 11, per poi ritornare in spiaggia solo dopo le 16. E’ opportuno evitare le ore centrali, quando il sole è a picco e più aggressivo.

– La protezione della pelle è fondamentale: è opportuno utilizzare una crema con filtro solare elevato (minimo FP 30 per una pelle olivastra), soprattutto sul viso (consigliato per tutti FP 50), soggetto alle macchie. Infatti, durante la gravidanza, per via degli ormoni, le cellule melanocitarie sono stimolate a produrre maggiore melanina. Purtroppo questo non avviene uniformemente su tutto il corpo, ma solo in alcune zone, con il rischio che ci si ritrova con una pelle macchiata a chiazze.

– La meta per le proprie vacanze va pianificata in base alle esigenze della gestante. In particolare, è preferibile accantonare fino al parto le destinazioni più esotiche, per orientarsi verso località che offrono ogni tipo di comfort e servizi, in particolare che abbiano a disposizione una struttura sanitaria attrezzata nelle vicinanze.


Potrebbe interessarti: Un Posto al Sole: il cane Bricca, carriera e vita privata di Giulia (Marina Tagliaferri)

– Il caldo può essere un nemico silenzioso e comportare improvvisi abbassamenti della pressione sanguigna. E’ pertanto opportuno bere molto, 2 litri d’acqua al dì, ed integrare con i sali minerali. E’ altresì utile mangiare frutta e verdura.

Massimiliano Grimaldi
  • Laurea in Scienze della Comunicazione
  • Master in Media Relations presso la Business School del Sole 24 Ore di Milano
  • Iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Lazio, elenco Professionisti (08-03-2005)
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica