Pipi’ a letto e bambini: come restare asciutti


I nostri bambini non sempre crescono tutti allo stesso modo: alcuni riescono ad apprendere prima determinati automatismi, per altri questo apprendimento è più lento.

Oggi parliamo di come gestire la pipi’ a letto: questo problemino, che poi vero problema non è, colpisce il 12.8% dei bambini (1 bambino su 8) di età compresa tra i 4 e i 10 anni

Perchè i bambini fanno la pipi’ a letto?
I miti sulla pipì a letto dei piccoli sono tanti: leggende, racconti dei nonni o storie inventate per mettere in soggezione genitori e bambini, ma vediamo adesso il vero motivo per cui questo accade.

Il nostro cervello, una volta sviluppato e sufficientemente maturo, controlla perfettamente i reni: durante il sonno, grazie alla produzione dell’ormone antidiuretico (ADH), il cervello dice ai reni di diminuire la produzione di urina.

La maggior parte dei bambini che non riescono a trattenere la pipi’ la notte non lo fanno per scelta ma, il più delle volte, il tutto è dettato da una produzione non sufficente dell’ormone ADH, senza il quale il loro organismo continua a produrre urina.

In genere questo problemino si risolve con la crescita, crescita che permette di aumentare la produzione dell’ormone e fa prendere consapevolezza del proprio corpo al bambino.

Cosa fare per evitare che il bimbo bagni il letto?
Alcuni consigli pratici potrebbero essere
– accompagnare il bimbo a fare pipì prima di andare a letto
– creare una routine per tranquillizzare il bambino: il piccolo potrebbe essere agitato a causa di questo problema, amplificandone le conseguenze.

Durante lo spannolinamento potremo usare Il “pannolino notturno” uno strumento che non rallenterà il processo dell’apprendimento del piccolo offrendo, però, una protezione sicura per notti tranquille.

Avete avuto esperienze con questo pannolino? Cosa ne pensate?

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta