Valutare le scottature nei bambini

kit ustioniCiò che deve essere deciso immediatamente di fronte a un bambino che si sia scottato è se il piccolo può essere medicato in casa con il materiale disponibile oppure necessita di ricovero in ospedale.
La valutazione della gravità e deve essere fatta prontamente dai genitori o da chi ha in custodia il bambino in base a parametri ben precisi.

I criteri di valutazione si basano

età del bambino
estensione del danno
profondità della scottatura
sede anatomica
l’agente ustionante.

Bisogna, oltremodo, tener presente che il processo di danno dei tessuti innescato dall’agente ustionante non si arresta con l’interruzione del suo contatto con la cute, ma prosegue nei tessuti per un tempo più lungo, aumentando la profondità della scottaturra. La prima cosa da ricordare è che a parità di estensione e profondità, la scottatura è tanto più grave quanto più è piccolo il bambino.
Un’ustione in bimbi al di sotto dei quattro anni è considerata seria se superiore all’8% della superficie corporea.
Mentre nel bambino più grande la gravità inizia al di sopra del 10%.
Un modo semplice per valutare l’estensione dell’ustione è confrontarla con quella della superficie palmare della mano del bambino che equivale a circa l’1% della sua superficie corporea.
A parità di estensione, più l’ustione è profonda più è grave e, in generale, tutte le ustioni profonde di 2° grado e 3°grado, anche se non estese, necessitano un ricovero immediato e trattamenti specifici. E’ da considerare sempre grave e, quindi, richiede l’intervento di personale altamente qualificato, una ustione che interessi il viso e collo, le mani e i piedi, le vie aeree, il torace ed il perineo.


Leggi anche: Fedez in crisi: partenza dolorosa