Viaggiare in aereo con bambini: consigli e precauzioni

Mamma
  • Scrittore e Blogger

volo-aereo-bambini

La crisi economica che ha colpito quasi tutti ha di fatto limitato le vacanze degli italiani ma,  anche grazie alle compagnie low cost i viaggi in aereo sono divenuti molto più frequenti da parte delle famiglie italiane: non solo per vacanze o viaggi di piacere, ma anche per spostamenti brevi.

Ed è proprio durante questi voli che una delle principali preoccupazioni per noi mamme: il viaggio farà male al mio bambino? Vomiterà? Cosa posso dargli per aiutarlo? Vediamo alcuni consigli pratici e importanti da tenere in considerazioni prima, durante e dopo il volo.

Secondo la Società italiana di Pediatria (SIP) i momenti più critici del viaggio, per un bambino piccolo, sono il decollo e l’atterraggio: in questi due momenti, sopratutto per i bambini soggetti a catarro tubarico e otite, possono risultare molto fastidiosi.
Per ovviare all’eventuale fastidio provocato da queste patologie, potremo dare (durante queste due fasi) il biberon ai bimbi più piccoli mentre, ai più grandi, un buon chewingum: in questo modo i possibili fastidi prodotti verranno notevolmente attenuati.


Leggi anche: GF Vip, aereo per Zorzi: è Mahmood il mittente misterioso?

cibo in aereo bambini

Cosa fare durante il volo per tranquillizzare il bambino?
Per alcuni bambini non solo il decollo o l’atterraggio possono essere traumatici, anche il volo potrebbe creare disagio e, proprio per questo, dovremo adottare alcune acortezze.
Per mettere a proprio agio il bimbo dovremo ricreare una sorta di ambiente familiare: giocattoli e peluches sono gli elementi più tangibili che il piccolo potrà portare con se durante il volo e, quindi, dovranno essere scelti con molta cura da parte di noi genitori.

Pasti in aereo per bambini
Durante i voli più lunghi, quelli che comprendono cena o pranzo durante il volo, l’alimentazione dei bambini è importante: vediamo alcune regole base

– bevande mai ghiacciate
– cibo leggero
– evitare di costringere il bambino a mangiare: eventualmente compensare il mancato pasto una volta scesi dall’aereo

Seguendo queste poche e semplici regole, vedrete che il vostro viaggio e quello di vostro figlio/a saranno più piacevoli e meno traumatici.

Ricordiamo inoltre che da qualche mese, anche per i più piccoli è obbligatorio il documento di identità.

Foto via kidcrave.com