Galateo dello Sposo


Il bon ton dello sposo durante il matrimonio
Spesso si sottovaluta l’importanza del galateo dello sposo durante il rito (religioso o civile) e durante la festa nella location desiderata (un ristorante, un castello, una villa etc).
Ecco cosa lo sposo deve o non deve fare durante il giorno piu’ bello della sua:

1. Sì al Tight, da indossare sempre rigorosamente abbottonato (con un fiore bianco all’occhiello), d’obbligo anche per i testimoni, per il padre dello sposo e della sposa; di rigore poi se la sposa indossa l’abito lungo e la cerimonia si svolge al mattina o non oltre le ore 18;
2. Sì al collo della camicia rigido e ripiegato se la camicia è a plastron;
3. Sì all’abito di lana, in qualunque stagione (in estate, si consiglia, naturalmente, il fresco-lana)
4. Sì al fermacravatta a spillone con perla per il plastron;
5. Sì al fiore all’occhiello del Tight, preferibilmente, un garofano dal colore pastello o, magari, una gardenia;
6. Sì al mezzo-tight se la cerimonia ha un tono più sobrio e meno sfarzoso o, piuttosto, all’abito tre pezzi, per un matrimonio giovanile e frizzante!
7. Sì alla cravatta in seta;
8. Sì all’orologio da polso, purché “nascosto” dal polsino della camicia.
9. No – allo smoking, che rimane pur sempre un abito da indossare la sera;
10. No – ai guanti e cappello (Tight) indossati durante la cerimonia: questi, vanno tolti all’ingrasso in chiesa e tenuti in mano;
11. No – a guanti e cilindro se si sceglie il mezzo tight;
12. No – al risvolto dei pantaloni per il tight;
13. No – alla scelta del tight se la cerimonia si svolge dopo le 18: in questo caso, meglio optare per il frac;
14. No – all’abito doppio petto, non adatto tipo di cerimonia;
15. No – al cappotto indossato (anche se è inverno e fa molto freddo!!), durante la celebrazione del rito;
16. No – ai calzini sia bianchi che corti!
17. No – alla pochette nel medesimo tessuto della cravatta: è preferibile sceglierla in tessuto e colore neutro, magari,in lino bianco;
18. No – a qualsiasi tipo di gioiello; uniche eccezioni concesse sono l’anello del casato (per matrimoni dei rampolli delle famiglie più in vista!), la spilla fermacravatta, i gemelli doppi al polsino doppio della camicia e, come accennato, l’orologio da polso;
19. No – all’orologio con catena da appendere al gilet dell’abito;
20. No – l’obsoleto e di dubbio gusto, “taglio della cravatta” nonché, ad ogni altro tipo di eccesso durante la cerimonia di nozze.


Vuoi ancora più SoloDonna?

Accedi gratuitamente ai nostri video, news e anticipazioni.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta