Matrimonio 2020 in Italia e nel mondo: numeri drammatici e rinvii

Con la nuova pandemia del Coronavirus, anche per il matrimonio il 2020 è stato un anno di grandi modifiche e compromessi. Come hanno reagito gli ospiti e tutti gli invitati? Quali decisioni hanno preso il sopravvento, in merito alle nuove normative? Conosciamo alcuni dati decisivi.

matrimonio-1280×720-1

Guidati da una ricerca gestita da The Knot, si è scoperto che negli Stati Uniti erano più di 100mila i matrimoni programmati ad Ottobre 2020. Questo mese, infatti, è senz’altro uno dei più gettonati per celebrare questo grande rito amoroso. Andiamo a vedere come questi dati hanno subito delle modiche. Dopo un breve excursus estero, affacciamoci alla situazione italiana.

Sposarsi negli Stati Uniti d’America durante il Covid

111512299-e2f974aa-ebd9-425a-9ef1-2ef174ba26a1

Solamente ad Ottobre 2020, i matrimoni previsti negli Stati Uniti erano 100mila. Tuttavia la pandemia mondiale ha interrotto i piani di milioni di coppie a livello internazionale. Anche la sfera degli ospiti e degli invitati subisce modifiche. Sempre secondo numeri appartenenti agli Stati Uniti, 14milioni di ospiti e invitati ad Ottobre attendevano nuovi provvedimenti.


Leggi anche: Matrimonio stile Halloween

Tra le coppie che avevano previsto il loro matrimonio tra Settembre e Gennaio 2021, solo il 30% ha voluto rinunciare alla programmazione. Più della metà, infatti, ha deciso di continuare la celebrazione. Si mettono al primo posto tutte le nuove normative riguardanti la sicurezza.

Matrimonio in Italia: sposarsi in tempo di Covid

coronavirus

In Italia, dopo il divieto di Marzo e Aprile, le cerimonie religiose e civili sono ripristinate a partire dalla fase 3. Già dal 15 Giugno, infatti, i matrimoni riprendono in quasi tutta Italia. Tuttavia, dopo la pausa estiva, il nuovo decreto del governo del 24 Ottobre ha fatto dei passi indietro.

In questo nuovo decreto, infatti, il governo ha deciso di proibire nuovamente le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, dando al commercio legato ai matrimonio un altro colpo drastico. Secondo uno studio condotto da Zankyou, infatti, su oltre 400 coppie, il 97% ha deciso di spostare le date del matrimonio, andando a posticipare tutti nella prima parte del 2021.

Con il nuovo decreto del 3 Dicembre, è confermato quanto già dichiarato a Novembre. Restano sospesi tutti i ricevimenti nei luoghi al chiuso e all’aperto, compreso ciò che riguarda cerimonie religiose e civili. Tuttavia, è consentito lo svolgersi delle cerimonie, purché si rispettino le regole del distanziamento e la sicurezza sociale.


Potrebbe interessarti: Matrimonio a prima vista: Sara e Stefano non possono divorziare

Le normative vigenti sul matrimonio durante il Covid

matrimonio-online

Per le cerimonie religiose le normative rimangono quelle emanate dal decreto del 7 Agosto del Governo in accordo con la CEI. Questo ultimo , oltre a sancire il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro, obbliga all’utilizzo mascherina per la protezione delle vie respiratorie.

Nella gestione degli spazi, l’accesso alla chiesa può essere agevolato da volontari. Questi devono essere provvisti di guanti monouso e un particolare che li evidenzi. Il loro compito sarà quello di favorire l’accesso e l’uscita degli invitati, nel rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1,5 metro. Infine, i decreti consigliano una maggiore viabilità. Dovranno essere evidenziate le varie entrate e/o uscite.

Gli stessi procedimenti si riferiscono ai riti civili, il quale svolgimento è consigliato all’aria aperta. La capienza massima del luogo di culto o la sala in cui avrà luogo dovrà essere stabilito da un ente legale. Il calcolo sarà il risultato di una distanza minima interpersonale di almeno 1 metro sia frontale che laterale.

Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter