Matrimonio autunnale: cosa non deve mancare?

Giulia Marinangeli
  • Diplomata in scuola di traduzione

Quando da settembre l’aria si fa più fresca, è periodo di vendemmia e il bosco inizia a colorarsi con fogliami dalle sfumature rubino, è molto frequente che vengano fissate delle nozze. Proprio come per la primavera e l’estate, anche le prime settimane autunnali possono essere molto poetiche per celebrare il matrimonio: ecco alcuni dettagli irrinunciabili per i ricevimenti di questo periodo.

18:30 – Matrimonio: cosa non deve mancare in un ricevimento autunnale

Non solo estate: anche l’inizio dell’autunno può essere un periodo dell’anno molto suggestivo per celebrare il proprio matrimonio.

Per valorizzare la stagione, basterà affidarsi alla natura che in questa parte del suo ciclo offre colori meravigliosi, fiori e frutti in abbondanza che potranno ispirarvi in ogni dettaglio per il vostro grande giorno.

Dal bouquet all’allestimento, dall’abito alla torta nuziale, ecco cosa non può mancare in un matrimonio che si celebra in autunno.

I colori e le ispirazioni autunnali

18:30 – Matrimonio: cosa non deve mancare in un ricevimento autunnale

 

In autunno la natura offre dei colori estremamente brillanti, che possono essere messi in risalto se abbinati al bianco, il colore del matrimonio per eccellenza: si può quindi optare per un bordeaux, un verde smeraldo o verde muschio, un bronzo, un rosso rubino, o un color porpora, per arrivare fino al malva, ma anche un dorato color ocra o tutti i toni più vivi di marrone.

Molto in voga negli ultimi anni è l’utilizzo del velluto nell’allestimento, così come per confezionare il bouquet, i centrotavola o da intrecciare nei capelli, sia per la sposa che per gli invitati. L’importante è lasciarsi ispirare dai colori di stagione, e usarlo a piccole dosi, per non appesantire il risultato finale.

Per il bouquet, come per centrotavola o addobbi del luogo del ricevimento e della cerimonia, ci si può affidare agli elementi chiave dell’autunno: uva, sia chiara che bruna, frutti di bosco, melograno, castagne, zucche gialle o arancio, foglie della vite o della vegetazione che popola il bosco in questo periodo.

Da settembre inoltrato in poi, la stagione non promette cielo sereno ogni giorno, quindi sarà molto più vantaggioso organizzare il ricevimento in un luogo chiuso: un castello può essere una scelta molto raffinata, ma anche una tenuta di campagna, magari circondata da suggestivi vigneti con cui affascinare gli ospiti.

Il dress code per sposi e invitati

18:30 – Matrimonio: cosa non deve mancare in un ricevimento autunnale

Lo stesso principio del ricevimento, vale anche per l’abbigliamento di un matrimonio celebrato in autunno.

Per quanto riguarda gli abiti degli invitati, la scelta è molto ampia: i più audaci possono optare per abiti sulle sfumature sopracitate, palette che vanno dallo smeraldo al malva, cercando però di evitare toni di colore troppo scuri, che sono sempre poco inerenti al matrimonio.

Se si vuole optare per abiti dai toni più neutri, come grigio o beige, si può giocare utilizzando i colori dell’autunno negli accessori: borse, scarpe, cinture o fazzoletti da taschino, potranno essere declinati nei colori della stagione.

Stessa cosa vale per gli sposi: se non si vogliono abbandonare i canonici bianco e nero per gli abiti nuziali, si può però giocare con i dettagli: papillon o cravatta, fazzoletto da taschino, bouquet, acconciatura, o addirittura il velo.

Se invece la sposa desidera optare con una scelta ancora più inerente all’autunno, può certamente scegliere un altro colore per l’abito: si può andare verso un bianco dalle sfumature più calde, come il burro, l’avorio o il panna, ma anche aggiungere una goccia di rosso al bianco dell’abito optando per i toni del rosa appena accennato, può essere un valido richiamo al vino, al melograno e all’uva, tutti simboli assoluti della stagione.