Matrimonio: le origini della luna di miele

Giulia Marinangeli
  • Diplomata in scuola di traduzione

Secondo la tradizione, quando una coppia convola a nozze, parte poi per una lunga vacanza di coppia che viene chiamata viaggio di nozze o luna di miele. Ma da cosa ha origine questa usanza? Ecco le origini di questo viaggio dedicato ai nuovi sposi e il perché venga definita “Luna di miele”.

Matrimonio: le origini della luna di miele

Dopo il giorno delle nozze, che prevede lunghi festeggiamenti con amici parenti e persone care dopo la cerimonia, i novelli sposi, tradizionalmente, partono per un viaggio insieme, solitamente della durata di due o tre settimane, ma che può essere anche più duraturo.

Le mete del viaggio di nozze cambiano a seconda del gusto della coppia, dall’angolo più recondito del pianeta, fino ad un romantico tour dei luoghi più suggestivi d’Italia.

Questa usanza viene chiamata appunto viaggio di nozze o luna di miele, ma quali sono le origini di questa tradizione legata agli sposi appena uniti in matrimonio?

La storia del viaggio di nozze

Matrimonio: le origini della luna di miele

Sembrerebbe che la diffusione della tendenza per le coppie di partire per un viaggio appena dopo il matrimonio abbia origine nel periodo della belle époque, quindi tra gli ultimissimi anni dell’ottocento e gli anni del novecento che precedono la Prima Guerra Mondiale.

All’epoca i fidanzamenti duravano molto di meno e per le coppie unite in matrimonio, partire per un viaggio insieme era un’occasione per conoscersi meglio. In più, in quel periodo era molto di moda partire per lunghi viaggi in visita dell’Europa e dei suoi luoghi più suggestivi.

Una moda che riprendeva le grand tour che nel periodo del romanticismo portava artisti e letterati a visitare i luoghi storici dell’Italia.

Perché si chiama Luna di Miele?

Matrimonio: le origini della luna di miele

Il viaggio di nozze viene anche definito Luna di Miele, ma da cosa ha origine questo nome? Cosa ha a che fare con un viaggio dedicato alle coppie di sposi novelli?

La parola luna viene utilizzata per definire il primo mese di nozze, la durata, all’incirca, di un ciclo lunare, durata che in origine aveva anche il viaggio intrapreso dalla coppia.

Sull’uso di “miele” invece ci sono più ipotesi e le più accreditate sono due. La prima è quella che il miele rappresenti la dolcezza e lo slancio di romanticismo che caratterizza le coppie nei primi periodi di unione.

La seconda ipotesi è che l’uso del termine “miele” derivi da “idromele“: in molti paesi europei infatti, l’idromele è la bevanda che viene bevuta durante i festeggiamenti nuziali, da cui deriverebbe poi la terminologia Luna di Miele.