Matrimonio: le origini e il significato del bouquet della sposa

Giulia Marinangeli
  • Diplomata in scuola di traduzione

Vi siete mai chiesti come mai la sposa arrivi all’altare con in mano un bouquet di fiori o di ramoscelli di piante? L’origine di questa tradizione è antichissima e risale ad un’epoca che precede di molto l’avvento del cristianesimo, malgrado poi sia stata proprio questa religione a perpetrare questa usanza nel tempo, facendola giungere fino a noi.

11:45 – Matrimonio: le origini e il significato del bouquet della sposa

Per secoli e secoli, nel matrimonio cristiano, quando la sposa percorreva la navata e raggiungeva il futuro sposo all’altare, era sempre accompagnata da un mazzo di fiori, più o meno grande, e con fiori e ramoscelli variabili di sposa in sposa.

Il bouquet della sposa è un’usanza che è perpetrata nel tempo e che ancora oggi viene rispettata dalle coppie che si uniscono in matrimonio, non solo religioso, ma anche civile.

Qual è però, l’origine del bouquet della sposa? Malgrado sia un’usanza legata al rito cristiano, le sue origini risalgono a molto tempo prima.

Il bouquet della sposa: le origini

11:45 – Matrimonio: le origini e il significato del bouquet della sposa

Malgrado nell’immaginario collettivo è soprattutto la sposa cristiana ad avere un bouquet di fiori tra le mani mentre percorre la navata, non è con il cristianesimo che nasce questa usanza, anzi, il cristianesimo si è limitato ad appropriarsene.

È in epoca romana, infatti, che si è sviluppata la tradizione del mazzo di fiori tra le mani della sposa: quest’ultima infatti, si presentava allo sposo per il rito nuziale con ramoscelli di mirto e di rosmarino, come buon auspicio per la sorte della coppia.

Il significato del bouquet della sposa

11:45 – Matrimonio: le origini e il significato del bouquet della sposa

Il significato del bouquet della sposa è quindi quello di portare abbondanza, prosperità e buona sorte alla coppia che sta per unirsi nel rito del matrimonio.

In epoca romana, le piante predilette per questa usanza erano il rosmarino, pianta portafortuna, il mirto, pianta sacra a Venere, e i fiori d’arancio, pianta del matrimonio per eccellenza già dall’epoca imperiale.

Il bouquet della sposa, quindi, malgrado nei secoli sia stato una peculiarità del rito cristiano, affonda in realtà le sue radici nella religione pagana, quella degli dei dell’antica Roma.