Una sposa non può essere licenziata


L’incubo di tante ragazze, in questo periodo di crisi, è quello di essere licenziate: la paura della disoccupazione a volte fa temere sempre il peggio e così, un pò intimorite, capita di sentire amiche o conoscenti che dicono “Finchè non ho una situazione stabile al lavoro non mi sposo”, questo perchè molte donne hanno paura di essere licenziate a causa proprio del matrimonio.
Da oggi, però, tutto questo non potrà più accadere: grazie a una sentenza della Cassazione, le donne in procinto di sposarsi non potranno essere licenziate

“la tutela accordata alle lavoratrici che contraggono matrimonio è fondata sull’elemento obiettivo della celebrazione del matrimonio e non è subordinata all’adempimento di alcun obbligo di comunicazione da parte della lavoratrice”

La questione è stata sollevata da una dipendente romana nel lontano 2000: la ragazza ha deciso di sposarsi durante il preavviso di licenziamento, licenziamento annullato dalla sezione Lavoro della Suprema Corte con motivazione “difetto di giustificato motivo oggettivo”

Questo importante precedente, in pratica, vieta alle aziende di licenziare una donna in procinto di convogliare a nozze.


Vuoi ancora più SoloDonna?

Accedi gratuitamente ai nostri video, news e anticipazioni.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta