Come evitare le intossicazioni alimentari da funghi


Oltre 1.500 casi all’anno di intossicazioni sono provocate dal consumo di funghi velenosi, scambiati per innocui. Alcuni consigli e spiegazioni del Centro Antiveleni dell’Ospedale Niguarda di Milano. 

Mushrooms,


Una delle emergenze stagionali sul fronte delle intossicazioni alimentari è legata ai funghi: raccogliere esemplari velenosi, scambiati per innocui, è causa di oltre 1.500 casi di intossicazione ogni anno.

Ecco alcune regole degli esperti del Centro Antiveleni (CAV) dell’Ospedale Niguarda di Milano.

Emergenze stagionali: intossicazioni da funghi

Mushrooms,

Non improvvisatevi esperti. Rivolgetevi sempre a un micologo professionista per fargli controllare il raccolto (servizio offerto gratuitamente dalle Atl, aziende turistiche locali). In alcuni casi le specie tossiche sono davvero dei “sosia” di quelle innocue: ci vuole un occhio allenato per riconoscerli!

Tra le specie di funghi più pericolose figurano “Amanita phalloides” e “Cortinarius orellanus.” Le loro tossine provocano danni irreversibili, rispettivamente, a fegato e reni. Per i casi più gravi, il trapianto in tempi rapidi è l’unica alternativa possibile.


Leggi anche: Avvelenamento da funghi

Amanita, Phalloides

I sintomi a volte non sono chiari e sfuggono al controllo medico perché scambiate per sindromi gastroenteriche simil-influenzali. A seconda dell’esordio delle manifestazioni, si possono distinguere sindromi a breve latenza, che insorgono tra i 30 minuti e le 6 ore dall’ingestione, e a lunga latenza, tra le 6 e le 20 ore.

Le sindromi che presentano un esordio più tardivo caratterizzano le intossicazioni più pericolose, che hanno come “organo bersaglio” il fegato, e che, nei casi più gravi, possono portare a danni molti seri, tanto che, a volte, l’unico rimedio è un trapianto salva-vita.

Se, dopo l’ingestione di funghi non controllati, insorgono disturbi, non tentate di curarvi da soli. Recatevi in Pronto Soccorso, portando con voi tutti i residui di funghi, cotti e crudi, e i resti di pulizia. Contattate immediatamente eventuali altri commensali e inviateli al Pronto Soccorso.

Con un primo intervento è necessario allontanare dall’organismo, quanto prima, le tossine mortali dei funghi con la lavanda gastrica e la somministrazione di carbone vegetale in polvere, oltre all’infusione di liquidi per via endovenosa (fleboclisi), che serve a riequilibrare la perdita di acqua e sali minerali, dovuta a vomito e diarrea reiterati.

Fate attenzione anche ai funghi sott’olio, nei quali può svilupparsi la tossina botulinica.

unnamed (3)

Il Centro Antiveleni (CAV) dell’Ospedale Niguarda di Milano fornisce consulenza tossicologica specialistica al pubblico ed agli operatori sanitari per la diagnosi, la cura e la prevenzione delle intossicazioni acute.

Il Centro, attivo 24 ore su 24 con la sua linea telefonica dedicata all’emergenza, riferimento nazionale per le intossicazioni acute del territorio italiano.


Potrebbe interessarti: Conservare i funghi: norme alimentari

Commenti: Vedi tutto