Curry: proprietà, controindicazioni e calorie

Arianna Preciballe
Esperta di: Gossip, Moda e Design

Cos’è il curry e come viene prodotto? Quali sono le proprietà benefiche, le controindicazioni e le calorie del curry? Scopriamo insieme ricette ed usi della spezia indiana.

Curry proprietà controindicazioni calorie

Il curry o masala è una miscela di spezie, in particolare la curcuma, di origine indiana che si ottiene pestandole in un mortaio, fino ad ottenere polvere di colore giallo senape.

Esistono diverse varianti con diversi gradi di piccantezza e con spezie differenti:

  • curry verde o green curry o kaeng khiao wan contenente basilico;
  • curry giallo o  kaeng kari;
  • curry rosso o diabolico detto anche kaeng phet;
  • curry giapponese o kare;
  • massaman curry o nam phrik kaeng massaman.

Curry

Spezie presenti nel curry

Il curry originale tradizionale contiene le seguenti spezie:

  • cannella,
  • cardamomo,
  • chiodi di garofano,
  • coriandolo,
  • cumino,
  • curcuma,
  • fieno greco,
  • noce moscata,
  • pepe nero,
  • peperoncino,
  • zafferano,
  • zenzero.

Proprietà del curry

Curry proprietà controindicazioni calorie

La miscela di spezie più amata al mondo, meglio conosciuta come Curry, possiede un grande valore terapeutico per la nostra salute. Infatti, se assunto due volte la settimana protegge il cuore ed il cervello.

Grazie alla curcumina, presente in concentrazioni fino al 2% riesce ad esplicare un’azione antinfiammatoria.

Inoltre è una spezia con proprietà dimagranti: è stato dimostrato che il Curry aumenta la termogenesi, facendo così bruciare più calorie. Inoltre, sazia velocemente e contrasta la fame nervosa, garantendo un giusto apporto calorico con una percentuale bassa di grassi.

Contiene Vitamina A, B, D, E, K e molti sali minerali ottimi per una corretta alimentazione ed è adatta ai diabeti in quanto riesce a controllare anche  la glicemia.

Calorie e valori nutrizionali del Curry

Interessanti sono anche le poche calorie del Curry,  per 100 g solo 325 Calorie, ovvero il 60% di carboidrati (di cui 2% di zuccheri), il 10% proteine ed il 30% grassi.

Ovviamente la miscela di spezie può variare da regione a regione, ma la ricetta base comprende pepe nero, cumino, coriandolo, cannella, curcuma, ma anche chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, fieno greco, peperoncino.

Nello specifico il peperoncino e lo zenzero aiutano a ridurre l’assorbimento del colesterolo a livello intestinale alzando la temperatura corporea, favorendo il consumo delle calorie.

La cannella, invece, rallenta la sensazione di fame, favorendo la circolazione del sangue.

Uno studio della Thomas Jefferson University, coordinata da Karen Knudsen e pubblicata su Cancer Research suggerisce persino la possibilità che il curry aiuti a combattere le cellule tumorali della prostata, quantomeno aiuterebbe a rallentare significativamente la loro diffusione.