Digiuno depurativo: che cos’è e come funziona?

Anna Vitale
  • Esperta in: TV e Gossip

Che cos’è digiuno depurativo e in cosa consiste? Come possiamo depurare l’organismo in modo naturale senza mettere sotto stress il nostro metabolismo? Scopriamo insieme che cos’è la digiunoterapia

dieta estiva frutta ortaggi

Spesso, al ritorno dalle vacanze, dove si esagera col cibo o dopo la fine di un periodo di grandi feste e abbuffate molti cercano un modo efficace per depurare l’organismo. La digiunoterapia è un valido rimedio che però richiede il controllo costante di un medico esperto per eventuali controindicazioni, durata e modalità del digiuno.

Che cos’è il digiuno depurativo e come funziona?

dieta tornare in forma estate

Il digiuno depurativo ed il semi-digiuno sono entrambi una sorta di digiuno igienico da fare solo periodicamente, per brevi periodi e, come detto prima, sotto stretto controllo medico.

In questi periodi vengono assunte quantità ridotte di specifici alimenti: succhi di frutta e/o verdure, frutta intera e/o verdure intere, ed altri alimenti che forniscono all’organismo la giusta dose di vitamine di cui ha bisogno, depurandolo e nel contempo evitando di introdurre ciò che non è indispensabile.

Regole del Digiuno depurativo

Per affrontare correttamente un digiuno depurativo è indispensabile seguire alcune regole.

Leggi anche Frutta esotica

  • Il digiuno non deve essere mai iniziato improvvisamente: il nostro corpo deve essere preparato ad affrontare uno shock alimentare come questo e richiede almeno 4-7 giorni di preparazione:
  • Sette giorni prima di iniziare il digiuno è necessario affrontare una dieta molto vicina a quello vegetariana: frutta e verdura fresca, acqua e tisane, nessun alcolico e cereali integrali
  • A due giorni dall’inizio del digiuno, la vostra dieta dovrà essere solo a. base di verdura cruda e frutta eliminando tutti gli alimenti di origine animale, il tutto bevendo molta molta acqua e/o tisane senza zucchero, centrifughe di frutta e verdura sono perfetti (massimo 500ml a pasto)
  • Nei due giorni precedenti il digiuno, cibarsi solo di frutta e verdura cruda, bevande vegetali, eliminando ogni prodotto di origine animale, bere molta acqua iposodica, infusi e tisane non zuccherati, succhi e centrifugati di frutta e verdura (max 500 ml); In alcuni casi, possono essere utili
  • La notte prima di iniziare il vostro digiuno, andare a letto entro le 22 circa, befendo un infuso rilassante a base di melissa, luppolo o valeriana

Seguire sempre un professionista nutrizionista

Se si è intenzionati ad intraprendere un digiuno autogestito, è indispensabile contattare un professionista o esperto in igienismo o un nutrizionista. Affrontare un percorso alimentare come questo richiede un controllo costante per evitare scelte azzardate che potrebbero arrecare problemi al nostro corpo.