Il pesce: quando è fresco fa bene anche al cervello

Arianna Preciballe
  • Laureata presso il NID - Nuovo Istituto Design

Il pesce fa bene. Quante volte ce lo siamo sentiti dire? C’è, però, una buona ragione per questa insistenza: è assolutamente vero! Il pesce, soprattutto se fresco, è uno degli alimenti più sani che possiamo assumere nella nostra vita quotidiana. Contiene numerosissimi componenti che portano beneficio al nostro corpo oppure non hanno alcuni lati negativi che altri cibi a base di proteine animali, come carne e formaggio, invece possiedono.

Il pesce fresco fa bene e non solo al cervello

Nel pesce, innanzitutto, ci sono i famosi Omega-3, particolare tipologia di acidi grassi polinsaturi. Questi ultimi sono comunque sostanze che si trovano naturalmente nel pesce e, contrariamente a quanto avviene per latticini e carne, non compromettono l’elasticità delle arterie.

Inoltre numerosi studi hanno dimostrato come il pesce sappia ridurre il livello di trigliceridi e colesterolo nel sangue. Il vantaggio all’apparato cardiovascolare è evidente e per andare direttamente al punto, il pesce può così aiutare ad evitare l’insorgere di malattie cardiache croniche.

Pesce: perché sceglierlo fresco

Il pesce fresco fa bene e non solo al cervello

Leggi anche Frutta esotica

Il pesce è, come già detto, uno degli alimenti migliori che possiamo inserire nella nostra dieta; se fresco, inoltre, fa molto bene anche al cervello.

In esso vi sono infatti gli acidi grassi DHA, una particolare tipologia sempre di Omega-3, che sono in grado di conservare e tenere in buona salute le membrane cerebrali, potenziando così la nostra mente. Infine, per concludere, il pesce è comunque molto meno calorico di qualsiasi latticino o carne a parità di quantità. Pensate che 100 grammi di spigola possiedono solo 82 calorie.

La stessa quantità di carne arriva a 129 e una mozzarella dello stesso peso addirittura a 240 calorie. Insomma, se state seguendo una dieta, il pesce è l’alimento sano e leggero che fa per voi, da consumare almeno due volte alla settimana e, se possibile, cucinato in modo semplice al forno o al vapore.

E voi? Consumate regolarmente questo cibo o non vi fa impazzire?