Aborto spontaneo: sintomi e cause

aborto spontaneo

L’aborto spontaneo è una interruzione naturale della gravidanza spesso senza un evidente motivo.

Il problema è più frequente di quanto si possa immaginare, visto che avviene in una percentuale variabile del 10-25% dei casi.

Ben più frequente è l’aborto spontaneo in caso di fecondazione assistita in quanto è possibile arrivare anche al 50-75% dei casi.

Di norma questo triste evento si verifica nelle prime 13 settimane della gestazione e i motivi che lo possono determinare sono molteplici.

Solitamente, quando l’aborto si verifica nei primi tre mesi di gravidanza, si tratta per lo più di una anomalia cromosomica del feto o di un problema legato all’ovaio che ne impedisce il normale sviluppo.


Leggi anche: La Vita in diretta bloccato: l’annuncio in diretta

Se invece l’interruzione della gravidanza avviene nel secondo trimetre, di solito il problema è ascrivibile all’utero o alla cervice, come infatti avviene per le donne affette da ovaio policistico, patologia che comporta un rischio di aborto di ben tre volte superiore al normale.

Ma molto dipende anche dallo stile di vita della gestante stessa, ed in particolare se ovaio policistico, in caso di assunzione di determinati farmaci o di sostanza stupefacenti, un’alimentazione inadeguata alle circostanze o, ancora anche problemi legati al fatto che l’ovulo fecondato potrebbe non essersi impiantato correttamente nella parete uterina, o ancora una età non più giovanissima o anche un trauma di qualsivoglia natura patito durante la gestazione.

aborto spontaneo

Qualunque sia la causa di una interruzione spontanea della gravidanza, questo non vuol dire che non se ne possa affrontare con successo una seconda.

I sintomi che possono indicare che ci si trova in presenza di un aborto sono diversi e, in particolare, dolore alla schiena di intensità progressiva che si evolve da lieve a severa; segni chiari di dimagrimento; contrazioni molto dolorose che si presentano ogni 5-20 minuti; perdite di sangue coagulato.

Sono tutti segni per lo più inequivocabili per cui al loro primo apparire è necessario recarsi con urgenza in ospedale.