Spina bifida: cause e sintomi

spina bifida

La spina bifida è una malattia molto seria che colpisce il feto nei primi mesi di gravidanza ed è rappresentata da una grave malformazione congenita del tubo neurale con interessamento del midollo spinale, cervello, cervelletto, tronco e strutture adiacenti.

In sostanza si tratta di una schisi degli archi posteriori delle vertebre lombo-sacrali e lombari toraciche e cervicali, praticamente  alcune parti del corpo  non si saldano regolarmente tra loro.

In base all’estensione del tratto  del midollo spinale, ernia che, a contatto con il liquido amniotico, si viene  ad alterare in maniera severa.

Questa appena descritta è una spina bifida aperta, ma esiste anche un’altra forma di spina bifida detta spina bifida occulta, solitamente localizzata a livello dell’ultima vertebra lombo-sacrale e che, in molti casi, è del tutto asintomatica e non rivela quindi la sua presenza, tanto che si viene a conoscenza della sua esistenza del tutto occasionalmente, in concomitanza con un altro esame alla colonna per tutt’altro motivo.


Leggi anche: Un Posto al Sole: Anita (Ludovica Bizzaglia) confessa la malattia

I danni causati dalla spina bifida sono irreversibili e le conseguenze che ne derivano sono di fatto direttamente proporzionali alla gravità della lesione stessa.

I soggetti colpiti possono andare incontro a problemi decisamente severi quali idrocefalo, malformazione di Chiari, disabilità motorie, disturbi dell’apparato urinario e intestinale, problemi neurologici,  deficit intellettivo e altro ancora.

La malattia ha una incidenza di 4-6 casi per 10.000 nuovi nati e i fattori di rischio sono in genere di origine genetica o ambientale.

I primi non sono ovviamente controllabili, mentre i secondi possono essere gestiti con successo.

Infine un altro fattore di rischio è rappresentato da bassi livelli plasmatici di acido folico per cui è necessario integrali nel periodo che precede e segue il concepimento.

Inoltre, sarà bene adottare un regime alimentare a base di alimenti ricchi di acido folico, cosa che consente di prevenire in un buon 80% dei casi la spina bifida.