Dior

Se oggi Dior è una delle case di moda più famose in tutto il mondo il merito va al suo fondatore: Christian Dior. Fu lui, infatti, a dare vita nel dopoguerra una della maison più famose di tutti i tempi.

odile-kern-christian-dior-1559040999

Se oggi il marchio Dior è uno dei più conosciuti al mondo dobbiamo ringraziare colui che, nel lontano 1946, aprì un atelier a Parigi che in poco tempo divenne così di successo da diventare un vero e proprio simbolo dell’alta moda nel mondo.

Ecco la storia della maison Dior e del suo fondatore.

Christian Dior: pioniere della moda

1498051418-gonna-corolla-estate-2017

Christian Dior nasce il 21 gennaio 1905 a Granville, in Francia. Suo padre produce fertilizzanti e la madre, Isabella, si prende cura di lui e dei suoi 4 fratelli. Il giovane Christian passerà l’infanzia a Parigi, dove si appassionerà di arte e architettura.

Il padre, però, vuole che diventi un diplomatico e così lui cede, iscrivendosi nel 1925 all’École des sciences politiques. Qualche anno dopo, però, apre una galleria d’arte che in poco tempo diventa una delle più quotate di Parigi, arrivando ad ospitare mostre dedicate a Georges Braque, Jean Cocteau e Pablo Picasso.

Nel 1931, dopo la morte di entrambi i genitori, è costretto a chiudere la sua galleria e così per mantenersi inizia a vendere disegni e bozzetti di moda, diventando poi illustratore per la rivista Figaro. Inizierà poi a lavorare con Robert Piguet ma, chiamato al servizio militare, farà ritorno a Parigi solo nel 1940.

Pochi anni dopo apre il suo primo atelier, al 30 di Avenue Montaigne, grazie al cospicuo finanziamento (60 milioni di franchi) di Marcel Boussac, conosciuto come il “re del cotone”.

christian-dior-storia-2-1525870449

Le inedite silhouette che propose nella sua prima passerella lasciarono tutti ammaliati. La moda, infatti, non era abituata a vedere spalle arrotondate, linee fluide e allungate e vicini stretti.

Le sue creazioni, poi, facevano scomparire la povertà e il grigiume lasciato dagli anni della guerra anche grazie a tessuti pregiati e abiti sfarzosi, la cui quantità di tessuto necessaria si contrapponeva al razionamento dei materiali vissuto fino a poco tempo prima.

La sua idea di moda, detta New Look, fu lanciata nel 1947 anche in America, dove l’anno successivo il sarto aprì la boutique Dior New York.

Di anno in anno Christian Dior diede vita ad una nuova creazione, diventando il padre di tanti dei modelli di abiti che vediamo oggi. La linea verticale, la linea tulipano, la linea H e quella A: furono tante le creazioni che contribuirono a renderlo uno dei pionieri dell’Haute Couture.

Dior: storia della famosa maison SCHEDA

Fu anche il primo ad associare la sua linea di abiti agli accessori. Insieme ad ogni modello, infatti, vendeva borse, scarpe, foulard e profumi, fino ad arrivare allo smalto per unghie.

Dior: dalla morte di Christian ad oggi

dior-full

Dopo la sua morte, avvenuta per un collasso all’età di 52 anni il suo ruolo nella maison è stato ricoperto da designer come Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferrè, John Galliano e Raf Simons.

Oggi il brand conta 200 boutique in tutto il mondo. In Italia sono a Milano, Roma, Firenze, Venezia, Portofino, Capri, Cortina d’Ampezzo e oltre alla moda donna, tanto amata al fondatore, si possono acquistare creazioni uomo ma anche gioielli, profumi, scarpe e accessori.

Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter